A A A

Commissione Nazionale per l'Etica dei Media

 

Grace Wood

WSWO 2012/01/20

 

E' nata l'11 gennaio 2012 dall'iniziativa della Federazione dei Media Indipendenti. Essa ├Ę una nostra reazione alla diffusa ignoranza da parte dei media dell'idea del lavoro svolto per il bene pubblico, sia tra i giornalisti che nelle istituzioni che gestiscono i mezzi di comunicazione - possiamo leggere nella comunicazione di Commissione Nazionale per l'Etica dei Media (OKEM). Le manipolazioni mediatiche avvenute durante la celebrazione della Festa dell'Indipendenza del 11 Novembre 2011 sono diventate la ragione principale dell'immediata costituzione della Commissione Nazionale per l'Etica dei Media. L' azione di disinformazione e tentativi di diffusione delle menzogne da parte dei principali emittenti che creano opinione pubblica, hanno dimostrato chiaramente, quanto sia pericolosa la direzione verso la quale si muovono i mass media in Polonia.

 

Crediamo che il ripristino del buon nome al giornalismo e al mass media polacchi richieda un'intervento radicale, compresa un'approfondita valutazione etica di ci├▓ che noi vediamo in questo campo della vita pubblica.

 

OKEM ├Ę il risultato della Federazione dei Media Indipendenti da poco costituita in Polonia ed ├Ę il segno dell'enorme pressione sociale e delle varie iniziative civiche che dicono "no" alla repressione della parola libera contro la manipolazione oppure all'apposito tacere delle informazioni.

 

La Commissione ├Ę composta da:

Teresa Bochwic (il presidente dell'OKEM) - ha conseguito il dottorato di ricerca in Pedagogia, docente presso l'Accademia di Leon Ko┼║mi┼äski. Attivista dell'opposizione, giornalista politica presso la Radio Libera Europa e presso la rivista "Kultura" ("Cultura") di Parigi.A partire dal 1989 ha cominciato a lavorare anche per le altre riviste tra cui: "Tygodnik Solidarno┼Ť─ç" ("Settimanale Solidariet├á") e "Nowy ┼Üwiat" ("Mondo Nuovo"). Dal 2006 al 2009 ha lavorato nella Radio Polacca. ┬áNegli anni 2008-2010 ├Ę stata membro del Consiglio per l'Etica dei Media (REM), Ha rinunciato ad essere il membro in segno di protesta contro le manipolazioni. A partire dal 2011 fa parte del Consiglio Generale dell'Associazione dei Giornalisti Polacchi (SDP).

 

Ewa Stankiewicz - ha conseguito la laurea in Regia presso la Scuola Nazionale di Film, Televisione e Teatro di Leon Schiller a ┼ü├│d┼║ e la laurea in Filologia Polacca presso l'Universit├á di Wroc┼éaw. Autrice e vincitrice dei premi per i vari film reportage e radio reportage. Fondatrice e Presidente della fondazione "Dobrze ┼╝e jeste┼Ť (E' bene che tu ci sia) che aiuta le persone gravemente malate e malati terminali. Presidente dell'Associazione "Solidarni 2010".

 

Thomas Bieszczady - filologo polacco, attore, organizzatore della cultura. Negli anni 2003-2010 ├Ę stato direttore del Centro Accademico per le Iniziative Artistiche a ┼ü├│d┼║. Ha collaborato come scrittore di feuilleton e come giornalista con le varie riviste tra cui: "Radio ┼ü├│d┼║", "Dziennik ┼ü├│dzki"("Quotidiano di ┼ü├│d┼║"), "┼╗ycie"("Vita"), rzeszowskie "Nowiny" ("News"), "G┼éos Szczeci┼äski"(Voce di Szczecin), "Scena" (ÔÇťPalcoscenico), "Express Ilustrowany", "Aspekt Polski" ("Aspetto della Polonia"). Membro dell'Associazione Cattolica dei Giornalisti. Nel 2010 insieme a Teresa Bochwic ha rinunciato ad essere il membro nel Consiglio per l'Etica dei Media.

 

Anna T. Pietraszek - regista documentario, giornalista, autrice di molti film prodotti per la Televisione Polacca e altre televisioni, alpinista e autrice dei film sui viaggi estremi. Vincitrice dei vari premi di film sopratutto all'estero, tra l'altro premiata con il conferimento della Croce d'Oro per i Meriti per la Chiesa e per il Popolo Polacco. Collaboratrice con Istituto della Memoria Nazionale (IPN). Vice Presidente dell'Associazione Cattolica dei Giornalisti (ZG KSD).

 

padre Roman Piwowarczyk - ha conseguito il dottorato di ricerca in Filosofia presso l'Università di Sorbona a Parigi, docente di Filosofia Classica e docente di Etica, redattore degli Studi Teologici a Łódź. Membro del Consiglio Generale dell'Associazione Cattolica dei Giornalisti.

 

John ┼╗aryn - professore presso l'Universit├á del cardinale Stefan Wyszy┼äski, dipendente presso l'Istituto della Memoria Nazionale (IPN), ex-direttore del Dipartamento dell'Istruzione Pubblica dell'IPN, consigliere del defunto Janusz Kurtyka.Presidente dell'Associazione Polska jest Najwa┼╝niejsza (Polonia ├Ę la pi├╣ Importante). Membro del Comitato per la Commemorazione dei Polacchi che Salvavano gli Ebrei, studioso della storia contemporanea specialmente della storia della Chiesa cattolica dopo la guerra, del campo nazionale, dell'emigrazione e delle relazioni polacco-ebree.

 

Questi interventi dimostrano che i polacchi non sono d'accordo con il fatto di limitazione della libertà di parola e delle libertà civili. Le iniziative da parte di media che si stanno ancora formando, sono state notate. soporatutto sull'internet, dalla parte del mondo della cultura e della scienza. E proprio da questa parte sono emerse le basi che regolano queste iniziative - Federazione dei Media Indipendenti e Commissione Nazionale per l'Etica dei Media.